XFM:
Il nuovo portatile per la Radiologia Digitale

XFM è il nuovo portatile digitale della linea X-FRAME DR, dedicato ad applicazioni radiologiche ed indagini diagnostiche, in reparto (sala operatoria, medicina dello sport, pronto soccorso, pediatria, ortopedia) e in corsia.



ITALRAY ha combinato le caratteristiche di trasportabilità e facilità di uso dei suoi portatili radiologici, con l’innovativa tecnologia digitale che ottimizza la qualità dell’immagine acquisita e la dose erogata al paziente, nonché la immediata fruibilità dei dati acquisiti tramite connessione LAN e compatibilità DICOM per il trasferimento immediato ai PACS ospedalieri o ad una stampante DICOM.



La tecnologia digitale e le elevate prestazioni della workstation a bordo, permettono a XFM, di archiviare un elevato numero di immagini radiologiche, evitando di doverle scaricare più volte al giorno negli archivi ospedalieri (PACS).

Caratteristica ulteriore di XFM è la possibilità anche del suo funzionamento a batteria (mediante serie di batterie interne, opzionali), che dona a questo nuovo portatile radiologico non solo l’autonomia di funzionamento necessaria ad effettuare le esposizioni richieste nel caso in cui non sia possibile l’alimentazione diretta da rete elettrica, ma anche la maggiore manovrabilità dello stesso senza l’intralcio del cavo di alimentazione.

XFM acquisisce le immagini radiologiche tramite un rilevatore digitale portatile allo stato solido con tecnologia al Silicio Amorfo e Scintillatore allo Ioduro di Cesio, che garantisce immagini nitide e precise su un’ampia area attiva, con una riduzione notevole della quantità di dose necessaria.

Questo detettore trasmette le immagini in modalità wire-less alla docking station montata a bordo di XFM permettendo di eseguire qualsiasi tipo di proiezione senza costringere il paziente a ulteriori movimentazioni e ostacolato da cablaggi inutili.


Il portatile di radiografia digitale XFM viene dotato anche di un sistema di motorizzazione opzionale che ne incrementa manovrabilità e facilità di trasporto: con una sola mano l'operatore può manovrare il sistema attraverso corsie e reparti.
Nei sistemi XFM dotati di motorizzazione è disponibile il meccanismo di OVER BOOST che permette di “spingere” il motore a velocità più elevata di quella massima (5 km/h) per affrontare situazioni particolari in cui un incremento della potenza è richiesto (superamento di ostacoli, pendenze elevate, movimenti rapidi in spazi ristretti, …).


L’attivazione di questo meccanismo è intenzionale e quindi nella movimentazione normale dell’apparecchio si ha sempre garanzia di spostamenti a velocità controllata.